Monday, 12 July 2010

Luigi Romano Campione Italiano Slalom under 20

Lo scorso week-end (3 e 4 luglio) si è svolto, nell'incantevole
cornice gardesana di Torbole (TN), la seconda edizione del Campionato
Nazionale Giovanile Slalom (windsurf). Come lo scorso anno a Cagliari,
è stato riproposto un contest nazionale slalom riservato ai migliori
agonisti delle varie classi. Trentanove gli atleti schierati ai
nastri di partenza. Nove le squadre pronte a lanciarsi nella bagarre
di un'emozionale competizione. Cagliari, Grosseto, Palau, Palù, Marina
Julia, Civitavecchia, Caldaro, Palermo… l'Italia a confronto.
Sette gli atleti Youth under 20, sedici Juniores under 17, otto Minim
under 15 e otto under 13.
Ben dieci le regate Youth portate regolarmente a termine, assistiti
dal meteo gardesano che ancora una volta non ha tradito le attese,
otto delle quali hanno visto primeggiare il grossetano Luigi ROMANO
(RRD-SIMMERSTYLE), già protagonista di prim'ordine a livello assoluto
e che ha dimostrato ancora una volta le sue grandi doti tecniche ed
atletiche.
In vero, il successo di quest'anno di Luigi Romano (classe 1993)
scaturisce da un percorso agonistico che lo ha visto nel 2009 Vice-
campione del Mondo Juniores Slalom in Bonarie (Antille Olandesi), 2°
Classificato di categoria al Campionato Italiano Slalom e 1°
Classificato in categoria all'Italian Slalom Tour 2009, per poi
proseguire quest'anno, anche a volte in "contrasto" con gli impegni
scolastici di un sistema scuola ancora non perfettamente collimato con
le esigenze e le ambizioni sportive di un sedicenne contemporaneo, con
il 2° posto Juniores alla One-hour Classic 2010 ed il 1° posto alla
Wind's Bar 2010(competizioni del settore che mettono a confronto
grandi atleti di fama mondiale con una formula agonistica di forte
impatto emozionale), fino ad arrivare all'affermazione sportiva 2010
di Campione Italiano Slalom under 20.
Un rinnovato vigore ed una rinnovata voglia di affermazione del
windsurf italiano sta scuotendo il mondo dello sport dopo un ciclo di
assopita normalità. In un Paese che si sta confrontando giorno per
giorno con una crisi economica che ha colpito un po' tutti i settori
dell'attività agonistica-sportiva e formativa, questa nuova linfa
vitale e questo rinnovato entusiasmo fanno ben sperare in un radioso
futuro per le giovani generazioni (i nostri ragazzi), fatto di sport e
sana competizione: leale e formativa.

No comments:

Post a Comment

Post a Comment